Pagina:Rime pescatorie.djvu/45

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Piena de infamie, e de ribaldarie,
Lara, mendica, scorretta, rognosa,
Daspuo che ti è nassua el to mestier
È stao sempre de far sassinamenti,
Decipando l'honor alle brigae,
No so chol mondo si te tegna viva,
E che la terra no te sorba subito
O la iustitia non te frusta, e bolla,
E incoronarte in mezo la berlina,
Perche ti ghe na fato tante e tante,
Besognerave ben per castigarte,
Almanco almanco confinarte a giesolo;
Ti se parente de la tenca ol ragno,
Che si le se maniza un quarto d'hora
Con quella spina le ponze si forte,
Che se resta strupìai de qualche deo
Cusi ti è proprio quando che un te pratica
Almanco chel puol perder si è la fama.
Ah baselisco astuto, e invelenio,
Grami a chi te vien in le to branche,
Che i porta el segno de la to amicitia
Serena carga de zanze, e lusenghe
Sotto un falso operar trista Gabrina,
Folpo che mena i pessi a pascolar,
E puo i magna co i xe ben passui,
Ho piao spesso de le gotorufele,
El piu cavestro pesse no sta in acqua,
De corpo picenin ma insaciabele,
Cusi ti ghe somegi ingorda porca;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/45&oldid=55977"