Pagina:Rime pescatorie.djvu/16

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Meteme in acqua, in boschi, in monti, in fuogo,
    E dove el Sol si desgiazza la neve,
    Meteme ancha dove i dragoni beve,
    4O dove, che i danai no trova luogo.
Meteme in fra le simie a far un zuogo
    A l'agiere seren, al fosco grieve.
    Meteme in fra caverne per un sieve,
    8O in te l'abisso famegio del cuogo.
Meteme in tun paltan, o adosso un lovo,
    In valle, in grotte, o in qualche palui,
    11In batagia crudel, o in gran fortuna.
Meteme a dar delle ferie alla Luna,
    Sarò sempre costante, come fui,
    14Ni mai d'amarve un passo no me muovo.


Chi non sa, che mi vivo per manzar?
    E per industria, e per voler de Dio.
    Chi è quel che vol cercar el fatto mio?
    4Si consumo, e si atendo à trionfar?
Chi nol sà, che no vogio bastasar?
    Ni andar à questo, e a quel tutto el dì drio?
    Ni servir tal murlon, tal chichibio,
    8Che no xe boni gnanca da brusar?
Chi no sà, che si havesse di ducati
    Ogn'un me caverave de bareta,
    11Si ben fusse sta cuogo a Giesuati?
Chi nol sa, che sta terra benedeta
    Fa carece a un poltron vende mustarda,
    14E un savio a briga ch'un furfante 'l varda?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/16&oldid=64907"