Pagina:Rime pescatorie.djvu/15

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Ah bella libertae, dolce, e suave.
     Ti xe partia da mi per far barratto
     Con la mia inemiga con tal patto,
     Che lie tegna el mio cuor sotto tre chiave.
Ston sempre in gran fortuna con la nane
     Di mie pensieri, e ogni dì combatto
     De forte che le mie fadighe ha tratto
     Pezo che da Fevrer no fa le rave.
Ho in odio si qualchun pi me rasona,
     De piaseri, e solazzi, e no de morte,
     Tanto 'l dolor in corpo me spirona.
Si ho ben danari, e che balia, e che sona,
     Sempre el martello me bate alle porte,
     Tanto poder ha in mi sta ribaldona.


Al mar da Lio a premando alla riva,
     Donde rote dal vento pianze l'onde,
     Subito viti quelle carne monde,
     Che'l dì, e la notte fa che per lie scriva.
Amor che drento al mio corpo bogiva,
     Mille travagi per le drece bionde,
     Me spense in tun canal, che i pessi sconde,
     Cascando a mo una bestia meza viva.
E asiando mi solo pur tasiti,
     A benche da vergogna vini rosso,
     Considerando la mia trista sorte.
Megio che pussi al sol e me fughiti,
     Tremando da paura infin a l'osso.
     Chiamando al mio secorso morte morte.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/15&oldid=64906"