Pagina:Rime pescatorie.djvu/14

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Stemo Amor a vardar la nostra gloria,
     Che vederemo cosse belle, e nuove
     Con certe gratie, che dal Cielo piove,
     Per adempir una pomposa boria.
Hor su, che scomenzemo a far instoria
     Della Nimpha de Venere, che muove
     Si dolce squadra, ne s'intende dove
     Vorà sta Donna haver si gran vittoria.
Le onde verde l'alega, i pessetti
     Va compagnando si care barchette,
     Pregando i remi, che ghe daga adosso.
Le velme, le peschiere, e i canaletti
     A regata ghe sona le trombette,
     E Nettun và ballando tutto rosso.


Amor sotto acqua una superba rede
     Si messe per piarme, e farme gramo;
     Onde spogiao nudo, come Adamo,
     Andì a nuar sora de la so fede.
Cho fu in mezo, e che'l giotton me vede
     Chriete; è tanti zorni, che te bramo
     Da chiaparte co se fa el pesce a l'amo,
     Per romagnir di fatti tuoi heriede.
Ghi dissi, mo perche sti tradimenti?
     Messier Cupido; a mi che son purazzo,
     Che mai offesi pur un'anguella.
Lu aridando me traxè in tun fangazzo
     Digando no fruar pi la to mella;
     Perche no voi servir chi no na denti.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Rime_pescatorie.djvu/14&oldid=64905"