Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/90

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA DELL'AUTORE.


SONETTO


Della notizia, che dà San Zermen,
    Amigo, m'avè dà, mì ve ringrazio;
    Sappiè, che de sentirla giera sazio,
    4Ma vù me l'avè scritta molto ben.

De lezerla ogni tanto me convien,
    E la godo assae più d'un bel Dispazio,
    Che sia vegnù da Vienna, oppur dal Lazio,
    8O una scrittura militar del Zen.

Sò, che l'è letterato, e che 'l sà assae,
    E per esercitar el matrimonio
    11Sò, che 'l gode dei secreti in quantitae.

Ma, se al mio Cazzo, e mi son testimonio,
    El ghe facesse dar delle chiavae,
    14Lo stimarave più de Sant'Antonio.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/90&oldid=60990"