Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/85

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA PROIBIZION DEL CHIAVAR FÀ PIÙ FOTTER.


SONETTO


Dio ghel perdona a quello, che xe stà
    El primo, che alla leze de natura,
    Che giera cussì chiara, e cussì pura,
    4La bella gà levà semplicità.

Pur ben se stava in quella prima età,
    Che no ghe giera quella seccatura,
    Che a tanta, e tanta zente fà paura,
    8A dir, che andar in Mona xe peccà.

I vuol, che per chiavar se maridemo,
    E s'anca la Muggier no xe più bona,
    11Tanto, e tanto con ella i vuol, che stemo.

Da sta leze però buzaradona
    Ghe ne provien un ben, che cussì andemo
    14Dell'altre Donne con più gusto in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/85&oldid=60985"