Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/81

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'AUTOR SE ILLUMINA, MA TARDI.


SONETTO


Sessanta volte 'l Sol hà zirà tuto
    El Zodiaco dal dì, ch'hò averto i occhi,
    Da zovene mi giera tra' i alocchi,
    4E a vegnir vecchio hò fatto qualche fruto.

Hò visto, che 'l Demonio no xe bruto,
    Come, ch'i lo depenze sti marzocchi,
    E che me cogionava, ma coi fiocchi,
    8A creder, che ghe fusse Giove, e Pluto.

El mal xe, ch'in quel tempo, ch'aumentando
    S'andava in mi la bella cognizion,
    11M'andava 'l Cazzo sempre più calando,

A segno tal, ch'ancuò no l'è più bon,
    Tanto, che trà de mi vago digando,
    14Giera meggio morisse da cogion.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/81&oldid=60982"