Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/72

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL MEDESIMO.


SONETTO


Zà, che ti m'hà, Pittor, con gran bon sesto
    Fatto quel Quadro, che mi t'hò ordinà,
    Un altro ghe ne voi da metter quà,
    4Ma mi vorrìa, che ti 'l facessi presto;

Perchè vorrìa fenir sto pò de resto,
    Che manca per far bello 'l mio mezzà,
    E quando, ch'hò da dir la verità,
    8El Quadro, che vorrìa, sappi 'l xe questo.

Un Omo, che le Cottole ghe alzasse
    A 'na bella ragazza in t'un zardin
    11Tanto, che 'l Culo tutto la mostrasse,

Ch'a un Albero la testa la puzasse,
    E che lù ghe 'l mettesse sù a passin,
    14E ch'ella con un deo se la menasse.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/72&oldid=60976"