Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/69

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL MEDESIMO.


SONETTO


Depenzime, Pittor, un bel ragazzo,
    Ma nuo, come l'hà fatto la Natura,
    Coi so cavei in bella rizzadura,
    4E senza gnanca un pelo sul mustazzo;

Che alla so gamba corrisponda 'l brazzo,
    E tutto a proporzion della statura,
    Ma sappi, che la mia mazor premura
    8La xe, che ti ghe fazzi un gran bel Cazzo.

Perchè vorrìa, co'l mostro a qualche Dona,
    Vedendo quel negozio cussì bello,
    11Che ghe tirasse subito la Mona;

E, no podendo aver gusto con ello,
    La volesse da brava buzarona,
    14Che mi ghe la menasse col mio Osello.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/69&oldid=60973"