Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/68

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL MEDESIMO.


SONETTO


Un'altra bella Donna mi vorrave,
    Caro Pittor, che ti me depenzessi,
    Ma tanto al natural ti la facessi,
    4Ch'ognun disesse; mi la chiaverave.

La mia opinion, a dirtela, sarave,
    Che ti la fassi nua trà do cipressi,
    Coi occhj dolci, e i denti bianchi, e spessi,
    8E rossa, come xe l'erbette rave.

Che s'un parter la fusse destirada,
    E un Omo con un Cazzo, che no falla,
    11Ghe dasse 'na bonissima chiavada,

Che sto parter el fusse fatto a scalla,
    E l'Omo in pìe tegnendola abbrazzada
    14El la chiavasse colle gambe in spalla.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/68&oldid=60972"