Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/67

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ALL'AUTOR.


SONETTO


A Zorzi Baffo ghè saltà in pensier
    Da farse desegnar s'un Quadro Venere
    Tutta piena el cavel de grazie tenere,
    4Che la gabbia d'Amor forza, e poder.

Pittor mio caro; el dise, avè a saver,
    Che lussuria per mi xe andada in cenere,
    Crescer vorrave far l'umano genere,
    8Ma el Cazzo nol vuol far el so mestier.

Famme 'na Donna tutta quanta nua,
    E tanto bella fala col pennello,
    11Che para, che la voggia 'na fottua.

Famme tirar per carità l'Osello,
    Che drento a quella stretta, e calda stua
    14El possa star lontan d'ogni bordello.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/67&oldid=60971"