Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/66

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AD UN PITTOR.


SONETTO


Senti, Pittor, depenzime 'na Dona
    Senza camisa, come Dio l'hà fata,
    Coi cavei biondi, e colla coa desfata,
    4E co un fioreto in testa alla barona;

Che la gabbia un visetto da Madona,
    Colla so tetta bianca, e delicata,
    Che se ghe veda un tocco de culata,
    8E quanto più se puol anca la Mona.

Famme, te prego, una cossetta amena,
    A un bianco velo che la staga sora,
    11E che se veda, che la se la mena;

Che la la sporza tutta quanta in fora,
    E dalla fazza de dolcezza piena
    14Tutti quanti capissa, che la sbora.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/66&oldid=60970"