Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/64

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CONFORTA UN BECCO.


SONETTO


Amigo caro, no ve desperè,
    Che no sè solo, che spassizza in piazza
    Coi corni in testa, vecchia xe la razza,
    4E per el Mondo a miera ghe ne xè.

Se, come che fà tanti, vù tasè,
    O se vostra muggier, che 'na ragazza
    No xe alfin, co un frascon no la s'impazza,
    8Publicà no saressi, come sè.

Vel torno a dir; no dè in desperazion,
    Che, se d'esser Becco, alcun è stà esente,
    11Adamo solo hà buo stà distinzion;

Eppur anca de lù ghe xe question,
    Per esser stada sola col Serpente
    14Da solo a sola in conversazion.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/64&oldid=60968"