Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/62

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CONTRO LA PRESUNZION D'UNA PUTTANA.


SONETTO


Vorrìa saver, Parona, 'l vostro intento,
    Perchè avè tal superbia, e tal schiamazzo,
    Forse per negoziar de scolamento,
    4E per aver struppià de tanti 'l Cazzo?

Considerè, che zà sè nel tormento
    De povertae, che fà cascar el chiasso,
    Voi ben, ch'i v'abbia dà nel Cinquecento,
    8Ma alfin sè 'na Carampia tutta in fasso.

Donca calè l'umor, no abbiè sta smara,
    Sappie, che la campana, ch'è drìo Nona,
    11In Carampane casa ve prepara.

Co sarè vecchia no sarè più bona,
    Mi bisogna, per Dìo, che ve la sbara,
    14Gnanca un facchin ve palperà la Mona.
                        La xe cussì, parona;
Per mi spero d'aver el bel trastulo,
    17Cagarve in Potta, e pò sborarve in Culo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/62&oldid=60966"