Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/61

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISOLUZION E DESIDERIO DELL'AUTORE.


SONETTO


No ghe voi più pensar, sto pò de resto
    Me la voi goder quanto mai, che posso,
    Avanti, che me vegna l'acqua addosso
    4Voi far un pò de tutto presto presto.

Siben, che no me sento troppo in sesto,
    Che, posso dir, son nome pelle, e osso,
    Co vedo qualche Culo tondo, e grosso,
    8Per una volta ancora mi son lesto.

Perchè hò sempre paura, che la sìa
    L'ultima volta, no son mai contento,
    11Vorrave, ch'ogni Donna fusse mìa;

Vorrave tutti i gusti in quel momento;
    La vorrìa in pìe, destesa, nua, e vestìa,
    14In tutti i busi ghe vorrìa esser drento.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/61&oldid=60965"