Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/58

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER GRAZIA AVUTA DAL DIO PRIAPPO.


SONETTO


Ve dago parte, amigo, in t'un sonetto,
    Come, ch'hò pregà tanto 'l Dio Priapo,
    Che'l Cazzo, che me stava sempre fiapo,
    4El me lo fazza un poco vegnir dretto.

Fenìa la mia orazion, sentì 'l casetto,
    Vago da una, e 'l Culo in man ghe chiapo
    Le cottole d'attorno mi ghe strapo,
    8E la destiro subito sul letto.

Per miracolo el Cazzo m'hà tirà,
    E ghe l'hò messo in Mona de Culìa
    11Senza considerar l'eternità.

V'assicuro, ch'hò buo tant'allegrìa,
    Che mi no l'averìa cavà de là,
    14Se m'avesse dà 'l Papa un'Abazìa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/58&oldid=60962"