Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/59

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


IN LODE DELLE TETTE.


SONETTO


Come, che ho sempre dito pan al pan,
    Cussì ve digo, che frà ste sals'onde
    Viste ho do Tette; a veder le seconde
    4Passar bisogna Monti, Mari, e Pian;

L'una dall'altra le se stà lontan,
    Nè le fà Mareselo, o baraonde,
    Per la bianchezza l'occhio se confonde,
    8Perchè più bianche d'un dente de Can.

Che de compagne se ne possa dar,
    Mi no m'oppono, ma de più perfette,
    11Oh, nò per Dìo, no se ne puol trovar:

E se s'avesse ancuò de giudicar
    El pomo d'oro a chi hà più belle Tette,
    14Chi a queste el poderave contrastar?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/59&oldid=60963"