Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/43

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



2. Me piase più Aristotile, che hà scrito,
    L'anema umana xe una Entelechìa,
    Parola, che gnessun più aveva dito.

Gnanca'l Diavol l'hà intesa, onde dirìa,
    Che sto nome'l gà dà per dir pulito,
    Che nol sà cosa Diavol, che la sìa.

3. E po' de' nomi, e cose i m'hà insegnà,
    Che xe definizion; esaminela,
    Che'l nome solo xe definìo quà.

Onde, co'l dise: l'anema xe quela,
    Colla quale 'l mio corpo xe fodrà;
    Mi domando, sta fodra ela sea, o tela?

4. E pò, se v'hò da dir l'opinion mìa,
    Quella definizion no me par bona,
    Che con descrizioncele vegna vìa.

Per definire el Cazzo a 'na persona
    Della Luna anca mi dir poderìa:
    L'è un cosso, col qual pisso, e vago in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/43&oldid=64878"