Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/42

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


NO AMMETTE L'ANEMA.


SONETTO


Conta Sant'Agostin quel Dottoron,
    Che l'anema de chi ragiona, e vive,
    Xe quel, che'l corpo fodra, e in lu s'iscrive,
    E con lù agisce a far la so fonzion;

Ma, che 'l me scusa, el pensa da cogion,
    E i Dottori, per Dìo, cussì no scrive,
    Che cosa, che materia circoscrive,
    De materia hà d'aver la dimension.
            Terzetti variati in quattro modi.

1. Altri dise: la è un modo; altri: armonìa,
    Altri, numero; in somma trovarè
    Tante opinion, quanti l'hà definìa.

Ma sentìme anca mi, e pò giudichè:
    Mi digo, no sò cosa, che la sìa,
    O al più me par saver quel, che no l'è.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/42&oldid=60959"