Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/41

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PENTIMENTO D'UNA CIECA CREDENZA.


SONETTO


Se credesse, Signor, che ghe pensessi,
    Che me pentissa del chiavar, ch'hò fato,
    E che me l'ascrivessi a gran misfato,
    4In mi un gran pentimento vedaressi;

Ma no credo, che vù fè sti rifflessi,
    Che no badè alle cose del creato,
    Che come per Natura sè beato
    8No ghe podè badar, s'anca volessi;

Donca, come redur possio la mente
    A rassegnarse a un vero pentimento,
    11Co sò, che vù no ghe ne pensè gnente?

Piuttosto ancuò de vero cuor me pento
    D'aver credesto un zorno ciecamente,
    14Che s'offendesse un Dìo coll'andar drento.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/41&oldid=60958"