Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/38

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA NATURA È MARE D'OGNI BENE.


SONETTO


Spiritual, oppur corporeo sìa
    Tende l'Amor all'immortalità,
    Quelle del Corpo col sborar, che'l fà,
    4L'altro coi frutti della fantasìa.

Con tutti sti do Amori in compagnìa,
    Che per natura gà stà proprietà,
    Mi tendo sempre a far prosperità,
    8O con el Cazzo, o con la mia poesìa.

Da questo digo, che l'idea del bon
    No vien dai Santi, nè l'idea del bello,
    11Come hà scritto el filosofo Platon;

Perchè de quel, ch'ha fato 'l mio cervello
    14No m'è stà dà gnessuna cognizion,
    Nè gà studià per fotter el mio Osello.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/38&oldid=60954"