Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/37

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


POST MORTEM NULLA VOLUPTAS.


SONETTO


Nù semo nati tutti alla ventura,
    E dopo morti, come che se mai
    A sto Mondo no fussimo mai stai,
    4Resteremo in eterno in sepoltura.

L'Anema nostra xe 'na fiamma pura,
    E, co in cenere i Corpi sarà andai,
    Anca i salumi resterà smorzai,
    8E affatto i perderà la so natura.

Del ben presente tutti via godemo,
    Affrettemose a gustar ogni affetto,
    11E i più squisiti vini sù bevemo.

De balsami odorosi 'l collo, e 'l petto,
    Le man, i brazzi, e 'l Cazzo profumemo,
    14Sia 'l nostro ultimo fin solo 'l diletto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/37&oldid=60953"