Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/36

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DEFFINIZION SORA I GUSTI DEI SANTI.


SONETTO


Le mie meditazion le xe in pensar,
    Che gusto possa aver i Santi in Cielo,
    Quando no i gà Cogioni, e no i gà Oselo,
    4E che no i gà 'na Donna da chiavar.

Senza 'l gran godimento del sborar,
    Che no sò, che ghe sia certo 'l più belo,
    Ch'al sol pensargha se me rizza 'l pelo,
    8Eternamente come puorli star?

Ma mi col mio pensar vago più avanti,
    E digo, Dio xe 'l Mondo; e de sto Dio
    11Una parte nù semo tutti quanti.

Donca, quando, che fotte 'l Cazzo mio,
    E che continnuamente fotte tanti,
    14Anca Dio fotte, e i Santi ghe và drio.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/36&oldid=60952"