Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/303

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


A
Amigo caro, no ve desperè 62 
A Zorzi Baffo ghè saltà in pensier 65 
Amici, moro presto, ma sappiè 73 
Avanti, che le cose mi me lassa 74 
Avanti de morir mi voggio dar 75 
Avanti, che peccasse 'l Padre Adamo 82 
A Venezia è vegnù, Amigo, un Monsù 87 
Amici tutti, che passè per strada 92 
Addìo Mone, addìo Culi, i do bocconi 103 
Alla morte del Cazzon 106 
A sto Mondo cos'hoggio più da far 131 
Anca mi fussi morto in quel momento 37 
Ah Preti, e Frati, aneme buzarone 105 
Amici, ve domando perdonanza 208 
Adesso, che Codemo è Confessor 231 
A quel, ch'i dise, el zorno del Giudizio 230 
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/303&oldid=64862"