Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/298

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA VECCHIAJA È LA PEZOR MALATIA.


SONETTO


Che vegna pur la morte, co la vuol,
    No ghe ne dago de sto Mondo un Cazzo,
    Se no me posso tior gnessun solazzo,
    4Che tutto me fà mal, tutto me diol;

Zà viver in eterno no se puol,
    Tanto fà me destriga da st'impazzo,
    Che se lo goda qualche visdecazzo,
    8Che d'ogni strazzerìa gusto se tiol.

Ma cosa se fà quà, co per la zente,
    Nè per se stessi no se xe più boni?
    11Mi digo, che xe meggio no esser gnente;

Almanco no se secca più i cogioni,
    E, se no ghè più beni, no se sente
    14Gnanca tanti gran mali buzaroni.