Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/29

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'OMO NASCE DAL CASO.


SONETTO


Oh Dìo! Cosa xe mai sto corpo uman?
    Un composto de carne, nervo, e osso,
    Chi lo gà longo, curto, duro, o flosso,
    4Chi sempre xe ammalà, chi sempre san.

Chi nasce ancuò, e morto xe doman,
    Chi fortunà, chi dal Destin percosso,
    Chi xe giusto un conìo, chi xe un colosso,
    8Chi xe dolce de cuor, chi xe innuman.

Chi superbo, chi umil, chi xe zeloso,
    Chi sobrio, chi prodigo, chi avaro,
    11Chi continente, e chi xe lussurioso.

Chi de memoria xe un esempio raro,
    Chi gnente no ritien, chi xe virtuoso,
    14E chi ignorante, come xe un Somaro.
                        Da tutto questo imparo,
E sempre più mi resto persuaso,
    17Che l'Omo effetto sia del puro caso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/29&oldid=60941"