Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/289

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EL CUOR IN SCRIGNO, E 'L CAZZO IN MONA.


SONETTO


Sant'Antonio de Padoa sì famoso,
    Che de' prodigj ghe n'hà fatto un Caro,
    L'hà fatto questo in morte d'un avaro,
    4Che xe stà veramente strepitoso.

Col so accompagnamento scorruzioso
    I portava quel morto sul Sagraro,
    Allora el Santo con esempio raro
    8L'hà fatto avrir, e ognun giera curioso.

El gà dito, che addesso i vederà,
    Che tutto quanto'l cuor de quel gramazzo
    11El giera nel so scrigno, e cussì è stà.

Anca mi dopo morto, poverazzo,
    Quando 'l viso reperto i me farà,
    14In Mona i troverà tutto 'l mio Cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/289&oldid=60940"