Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/290

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


GNENTE GIOVA, CO NO SE PUOL FOTTER.


SONETTO


Che giova aver fortuna, aver onori,
    Aver Coghi, palazzi, e Servi tanti,
    Aver le stoffe d'oro, e ricchi manti,
    4Aver tutti de Creso i gran tesori,

Esser al Mondo l'idolo de' cuori,
    Star sempre in feste, in zioghi, in soni, in canti,
    Viazar in t'i paesi tutti quanti,
    8Bever le tazze piene de liquori.

Che giova tutt'i chiassi, e i baccanali,
    Magnar sempre la robba la più bona,
    11Tutte aver le delizie di Orientali.

Che giova aver el Scettro, e la Corona,
    E ch'i ve fazza anca i archi trionfali,
    14Quando che no se puol più andar in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/290&oldid=60942"