Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/288

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA MONA È 'L SIMBOLO DELL'AUTOR.


SONETTO


Osservo, che sti Santi vien depenti
    Del so martirio col strumento in man,
    Colle frezze i depenze San Bastian,
    4E tutti i mette in vista i so tormenti.

Santa Polonia, che xe sora i denti
    Gà la tenaggia, e gà pò Sant’Alban
    La testa, che quel Rè, che gera Arian;
    8Gà fatto batter zò tra' mille stenti.

Sant’Andrea gà la crose, e la graella
    Gà San Lorenzo, dove i l’hà puzà
    11Per arrostirlo, come una sardella.

Mi, se un pittor depenzer me vorrà,
    Come, che gò patio tanto per ella,
    14Co in man la Mona el me depenzerà.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/288&oldid=60939"