Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/283

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Sù via, Amici, sù godemo,
    150E fottemo
    Fin a tanto, che la Potta
    Delle ragazze l'anime ne fotta.

Se le Furie se fottesse,
    E le Parche le podesse
    155Tiorse anch'elle sto solazzo
    Le goderave tutte del mio Cazzo;
    Ma zà, che per dura sorte
    No se fotte dopo morte,
    In quel liogo cussì orrendo
    160Voggio andar zoso a fottendo;

Mi son certo, che là drento
    El mio massimo tormento
    Sarà star là zorno, e notte

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/283&oldid=64854"