Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/284

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


    A veder Pluton, che fotte,
    165E che mi là eternamente
    Mai no poderò far gnente.

Grandi tutti quanti sè
    No credè, che sia invidioso,
    Dei gran beni, che gavè,
    170Mi no son gnente zeloso.
    Me basta, che me tira ben l'Oselo,
    E del mio Cul, che sia grespo el pelo.

Vivè pur lautamente,
    E fè gran chiasso,
    175Che per mì tutto 'l spasso
    Xe quando son in Mona, e quando sboro
    No godo manco de chi gà un tesoro.
            Le to disgrazie,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/284&oldid=64855"