Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/263

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA DELL'AUTOR.


SONETTO


Che buzara xe questa al dì d'ancuo,
    Che tutti quanti vuol poetizar!
    Se sente versi, ch'i fà da cagar,
    4Che no i puol star in Cielo, nè in paluo.

Chi poeta no xe certo nassuo
    No ghe sarà gnessun, che 'l possa far,
    E 'l puol ben tutto quanto 'l dì studiar;
    8Che 'l sarà in questo un pegoron monzuo.

Come, che senza la disposizion
    Tanti ghe xe, che và sempre cantando,
    11Che se i tasesse i parerìa più bon,

Cussì ghè dei Poeti, che seccando
    Và a questo, e a quello la generazion,
    14Ch'i farìa meggio i Cazzi andar menando.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/263&oldid=60929"