Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/262

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CONTRO L'ANTESCRITTO SONETTO.


SONETTO


Sento, che l'opinion d'un gran soggetto
    Xe, che 'l Dìo bon abbia formà la Dona
    Dal mezzo in zò; ma prego, che'l perdona,
    4Se mi m'oppono, e se ghe fazzo objetto.

Siccome a lù gà piaso parlar schietto,
    E la cosa spiegar, come la sona,
    Al Cazzo dirghe Cazzo, e Mona a Mona,
    8Dirò mi 'l mio parer e chiaro, e netto.

D'Andronico mi tegno l'opinion,
    Che del cattivo sìa la parte soa
    11El dessotto; ghe digo la rason;

Perchè 'l Demonio quella brutta scroa
    El gà volesto, che nol xe cogion,
    14Formar el buso per ficcar la Coa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/262&oldid=60928"