Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/261

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SORA LA CREAZION DELLA MONA.


SONETTO


Frà le diverse sette ereticali
    Una se ghe n'hà dà de sta natura,
    Che per far della Donna la figura
    4S'abbia impegnà de Dei sommi immortali.

Un xe quel Dìo, che causa tutt'i mali,
    L'altro el Dìo bon, ch'a tutti'l ben procura,
    E i gà tiolto daccordo la misura,
    8E diviso l'affar in parti eguali.

Dei do Dei, chi abbia fatto, son curioso,
    Per formar el bel corpo della Dona
    11La parte in suso, e chi la parte in zoso.

Ch'abbia quel Dìo, che fà ogni cosa bona,
    Fatta la parte in zò, no son dubbioso,
    14Perchè 'l meggio de tutto xe la Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/261&oldid=60927"