Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/260

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Dopo, che Dìo colla so gran potenza
    Hà fatto Adamo, acciò ch'allegro 'l stasse,
    E che a star solo un dì nol se stuffasse,
    4El gà fatto 'na Donna da presenza.

Perchè l'abbia aspettà, che 'l se indormenza,
    No sò, se mai gnessun l'indovinasse,
    O se qualche teologo trattasse
    8Sto ponto de Divina providenza.

Mi digo, che se Adamo no dormiva,
    Co Dìo fava la Mona alla bell'Eva,
    11Quella Mona lù mai no la feniva,

Perchè Adamo ogni volta, che 'l vedeva
    A principiar la Mona alla so Diva,
    14Appena principiada el la rompeva.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/260&oldid=60926"