Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/258

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'AUTORE PENSA, COME I QUIETISTI.


SONETTO


L'Eresìa dei Quietisti a mi me par,
    Facendoghe 'na seria remission,
    Che la sìa più conforme alla rason
    4De quante i ghe n'hà mai podù inventar.

Lori sostenta, che se puol chiavar
    Qual se sìa Donna, purchè in quell'azion
    La mente gabbia in Dìo sol fissazion,
    8Ch'in sta maniera no se puol peccar.

E i dise ben; che come no se dà,
    Che possa mai peccar una persona;
    11Co nol consente colla volontà,

Cussì donca chi chiava qualche Dona,
    Co in quell'atto la mente in Dìo lù gà,
    14Che nol possa peccar finchè l'è in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/258&oldid=60923"