Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/257

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Che s'hà fatto lassar nei testamenti,
    E gà fatto privar i so parenti;
                        153E alle so penitenti

Quanti per mezzo de sto sacramento
    Più d'una volta ghe l'hà messo drento!
                        156Orsù vivè contento,

E vivè con un animo giocondo,
    Che tutto quanto 'l mal xe quà a sto Mondo.
                        159El xe un cervello tondo

Chi crede, che de là ghe sìa tormenti
    De crucj, fuogo, e de stridor de denti.
                        162I xe tutti contenti.

Dito questo, el Bonfadio è tornà in drìo,
    E l'hà fatto in quel Mar un bel Caorìo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/257&oldid=64839"