Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/244

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SIMILE.


SONETTO


Ogni volta mi dago in scandescenza,
    Quando sento quei tanti, che gà fede;
    Che da cogioni, e visdecazzi i crede,
    4Che là suso ghe sia 'na providenza.

Chi mai xe stà, che hà fatto sta sentenza?
    Se questo giera un Omo, che ghe vede,
    Mo come mai xelo cascà in sta rede
    8Per far anca cascar la Discendenza?

Se gnente de perfetto no ghe xè,
    Se no ghè, che passion, che ne molesta,
    11Se scampando da un mal, l'altro incontrè.

Per Dìo! Che providenza xe mai questa!
    O no ghè providenza, o se la ghè,
    14Una Vecchia la xe, che no gà testa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/244&oldid=60918"