Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/245

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


INUTILITÀ DELLA REDENZIONE.


SONETTO


Quando lezo sul nuovo Testamento,
    Che'l Creator xe disceso alle Creature,
    E che col misto delle do Nature
    4Tutto'l genere uman là gà redento.

Mi, che de far la guerra no me sento
    Alla Divinità delle Scritture,
    Come fà ste moderne cargadure,
    8Sbasso la testa, e ammiro'l gran portento.

Ma quando pò riffletto, che se vede,
    E che s'hà visto i Omeni a millioni
    11Tegnir varie opinion circa la fede;

Signor, quei vostri scritti sarà boni,
    Ma, co tanti ghe xe, ch'in vù no crede,
    14N'avè redento tutti in t'i cogioni.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/245&oldid=60919"