Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/243

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CONTRO LA PROVIDENZA.


SONETTO


S'opera, e tutto d'un'intelligenza,
    O tutto sia al possibile miglior,
    O impunemente poderò 'l Creator
    4Accusar de malizia, o d'impotenza.

Se l'ordine, che brilla, e l'eccellenza
    Nel fisico dà indizio d'un Autor,
    Nel moral el desordene, e l'error
    8Arriva a annichilar la providenza.

Sciocco è dir l'Universo esser creà,
    Perchè a mostrar l'inzegno resta in drìo,
    11Come l'agitazion l'abbia accozzà.

In summa, Caro Baffo, a parer mio,
    Co no la gà d'andar, come la và,
    14O no ghè providenza, o no ghè Dìo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/243&oldid=60917"