Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/242

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'OMO GODERÀ PIÙ DEI ANZOLI, E DE DIO.


SONETTO


Dopo 'l dì del Giudizio co anderemo
    Co tutti i nostri membri in Paradiso,
    Dei Anzoli, e de Dìo mi gò deciso,
    4Ch'in quel tempo assae meggio nù staremo.

I Anzoli, e Dìo per quello, che savemo,
    In quel liogo d'eterno gaudio, e riso,
    I gavera 'l so spirito diviso
    8Dal corpo, e nù col corpo anca saremo.

Se l'anema i gà lori solamente,
    E nù l'anema, e 'l corpo; donca star
    11Nù podaremo allegri doppiamente;

Perchè nù podaremo contemplar,
    E goder, come lori colla mente,
    14E de più podaremo anca sborar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/242&oldid=60916"