Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/241

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


TERRORI DELLO STESSO.


SONETTO


A quel, ch'i dise, el zorno del Giudizio
    Sarà un zorno de colera, e vendeta,
    Se vederà un'orribile Cometa,
    4Che della fin del Mondo sarà indizio.

El Sol perderà 'l lume, e l'esercizio,
    La Luna insanguenada, e l'aria infeta,
    El fuogo, e l'acqua, come una saeta,
    8Farà andar tutto quanto in precipizio.

D'una gran tromba al suon de sotto tera
    Salterà suso in vita Omeni, e Done,
    11E tutti quanti nui, come, ch'i giera.

Mi intanto passerò dell'ore bone
    Per quanto, ch'i elementi sarà in guera,
    14Che vederò tanti gran Culi, e Mone.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/241&oldid=60915"