Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/234

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Ogni Omo, che sìa Prete, e Confessor,
    El deve viver sulla strada bona,
    E tanto'l deve intenderse de Mona,
    4Quanto s'intende d'aghi un bon Sartor;

Perchè là drento xe 'l peccante umor,
    Che tira sul mal far ogni persona;
    E guai, guai a quel Prete, che cagiona
    8Dei penitenti miseri el terror!

Ma pò, che quel Preton buzaronazzo
    De quel Codemo sappia solo star
    11In teorìa, mi no ghe credo un Cazzo.

El so antigo esercizio è stà 'l chiavar,
    E questo 'l sarà sempre 'l so solazzo;
    14Mandando i Santi a farse buzarar,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/234&oldid=60907"