Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/233

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LE CARICHE NO FÀ PERDER EL VIZIO.


SONETTO


Adesso, che Codemo è Confessor,
    Cosa credeu, che 'l tenda più alla Mona?
    O che'l se metta sulla strada bona?
    4Vìa, disemelo a mi, che son Dottor.

Se me domandè a mi, mi son d'umor,
    Che 'l seguita a chiavar più d'una Dona,
    E ch'oltre, che 'l le chiava, el le cogiona
    8De carità col manto, e col fervor,

Perchè sò, che lù xe buzaronazzo,
    Che sto mestier nol lasserà mai star,
    11E'l chiaverà fin, che'l gà duro 'l Cazzo;

E quando più nol poderà chiavar,
    El se tiorrà quell'altro bel solazzo,
    14Che xe d'andarse a far ben buzarar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/233&oldid=60906"