Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/232

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CONTRO LE DISSOLUTEZZE DEL CLERO.


SONETTO


Preti becchifottui, Preti bardazze,
    Ch'al Mondo nati sè per cogionar
    Tutto 'l genere uman, per schiavazzar
    4Quante Donne trovè buzaronazze.

Cos'è sto bordellon, che per ste piazze
    Tutto 'l dì se ve vede a spassizar
    Colla signora al fianco, e anca a spìar
    8Tutto quel, che se fà, e notar le cazze?

Ela questa la leze de San Piero?
    Ve comanda cussì la Santa Chiesa?
    11Quest'è l'esempio, che dè al Mondo intiero?

Quel, che nel secolar se chiama offesa,
    Lo farà impunemente el Santo Clero,
    14Che deve aver un'anema più illesa?

                        Decisa è sta contesa,
Ma ve n'accorzerè Preti baroni,
    17Quando là zò i ve brusarà i cogioni.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/232&oldid=60905"