Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/230

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CONTRORISPOSTA.


SONETTO


Dirghe cogion a un Omo vù credè
    Farghe ingiuria, col dir, l'è un bon da gnente,
    Chiamandolo un alocco francamente,
    4Nò, che no l'è cussì, che no savè.

Cogion! Sta gran parola vù biasmè,
    Che xe'l stampo, che fà nascer la zente!
    Sentime mì, che dirò saviamente
    8La virtù del cogion, e cosa l'è.

L'omo perfetto è quel, che gà i cogioni;
    La barba, la Maestà, l'è venerando,
    11E impronta col so far gran virtuosoni;

Ma strenzerò 'l mio dir argomentando,
    Che se 'l cogion xe 'l pare di omenoni,
    14Ergo, a dirghe cogion, l'è un omo grando.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/230&oldid=60903"