Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/229

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA.


SONETTO


Respondo in do parole a quei gramazzi
    Pretoni, che condanna i me soneti,
    Che mi no li gò fatti per quei Preti,
    4Che xe alocchi, cogioni, e visdecazzi.

Li hò fatti per quei bravi talentazzi,
    Che del prossimo sà tutt'i segreti,
    Che no stima i teologhi indiscreti,
    8E che gà in Culo tutt'i chiettinazzi.

Quel pò, che per volerme cogionar
    Hà fatto quel Sonetto buzaron,
    11Oh! Quello 'l mando a farse buzarar;

E siben, ch'al so dito un Cazzo son,
    Lù per altro al dessotto m'hà da star,
    14Perchè sotto del Cazzo stà 'l Cogion.

                        El Cazzo almanco è bon
D'andar drento, e goder quando, che 'l sbora,
    17Ma 'l cogion gnente gode, e stà de fuora.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/229&oldid=60901"