Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/228

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CRITICA CONTRO L'AUTORE.


SONETTO


L'altro zorno a un Caffè da certi Preti
    A dir liberamente mi hò sentìo,
    Che 'l Baffo con quei lubrici soneti
    4Averà un dì da render conto a Dìo;

Perchè 'na volta sola, ch'i sia leti,
    La mala impression no torna indrìo;
    Chi scandalezza và trà i maledeti,
    8Cussì nel Passio dise San Mattìo.

Ma mi, che lo difendo, poverazzo,
    Reverendi, hò risposto, le perdona,
    11Rason no ghè de far tanto schiamazzo.

Vorle, che'l Baffo diga la corona?
    E no le sà, che 'na testa de Cazzo
    14Altro no puol discorrer, che de Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/228&oldid=60900"