Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/227

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PROVA, CHE LA REFFORMA NO AMMETTE CENSURA.


SONETTO


Roma no gà più azion de reclamar,
    Se la so Daterìa xe vulnerada,
    Perchè o questa da Dìo ghè stada dada,
    4O la se l'hà voluda Ella usurpar.

Dada da Dìo? Come voleu provar,
    Se colla Spagna la l'hà traffegada?
    Per avarizia la se l'hà usurpada.
    8Donca, come volerla sostentar?

Su sto Dilemma, che no gà obbiezion,
    E che i Prencipi tutti hà illuminà,
    11Tutti hà fatto la so Regolazion;

E ognun de lori xe restà obbligà
    Ai Veneziani; che a preservazion
    14Dei so diritti i primi hà decretà

                        In modo, ch'i hà salvà
La Religion col publico diritto.
    17Voleu la prova? El Papa 'l sà, e 'l stà zitto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/227&oldid=60899"