Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/224

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER BEN RIFFORMAR I FRATI.


SONETTO


L'è stada in fatti ispirazion divina,
    Mazor Consegio nostro bon Sovran,
    Che pensè a tamisar con regia man
    4La corrotta Monastica farina.

Settanta mille gà Santa Giustina
    Ducati d'annua rendita a far pian,
    E questi solo serve a far baccan
    8In fabbriche, livree, Stalle, e Cusina.

Donè de Correzola i ricavati
    All'Ospeal, donè Legnaro a tanti
    11Poveri fioi de contrabbando nati;

Masserà regalelo ai Mendicanti,
    E allora sì, Becchifottui de Frati,
    14Tutti sti campi i chiamerò Prà santi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/224&oldid=60897"